“L’amore è…” - Fabio bix
21565
installazione-template-default,single,single-installazione,postid-21565,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Installazioni / “L’amore è…”

installazione nell’ambito di
“Pietra & Co. Public Art” a Sirmione (Bs)
maggio-ottobre 2008

 

Un paio di scarpette da donna, bianche.
Un paio di scarpe nere da uomo.
Le une di fronte alle altre, sospese a 5 mt di altezza tra 2 pini secolari. Unite dalla tensione amorosa che dà il titolo all’installazione: “L’amore è…”

 

 

Poesia, sogno, magia, sospensione, slancio verso l’infinito… sono alcune tra le sensazioni evocate da quella sorta di danza immobile. Ma, anche, vertigine, precarietà, essenza che ha i contorni dell’assenza…

L’installazione è immersa nel Parco Maria Callas, a Sirmione (Bs).
Vi rimarrà 6 mesi.
Quell’amore sospeso, quindi, si sveglierà ogni mattina coi cinguettii degli uccelli, si nutrirà dei raggi del sole, si assopirà coi sussurri della luna. Ma, anche, sarà esposto all’azione corrosiva degli agenti atmosferici: sotto il peso dell’acqua battente, l’iniziale slancio vigoroso della scarpa dx maschile tenderà ad afflosciarsi;

e il bianco delle scarpette da donna rivelerà tarlature di nero, sotto al candore iniziale.

Anche la verga che le sorregge, simbolo del legame ferreo e della tensione amorosa che le unisce, sarà corrosa da ruggine.

Specchio ideale di un amore reale, “L’amore è…” è un’opera “viva”. Ossia, che vive e muta grazie all’interazione con l’ambiente naturale dov’è immersa. E che, “vivendo”, acquisisce e via via rivela nuovi significati e ineludibili verità…

“Un giorno di fine estate – a circa 3 mesi dall’inaugurazione – feci un giro a Sirmione.
Giunto al cospetto di quell’amore sospeso, guardai su…
La scarpa bianca e quella nera più vicine, erano unite da una ragnatela.
Il sole illuminava la trasparenza di quella trama e, con essa, il significato che vi era inscritto.
Avrei voluto ringraziare il ragno per la sua arte gratuita e così opportuna, ma, come uno street artist incorrotto, non si fece vedere.
Ho allora camminato, sorridente, fino ai piedi di una birra.
Ho brindato al ragno.
E all’arte dell’amore…”

F. B.